Treviso, non vaccinò il carabiniere, inchiesta archiviata

Il sostituto procuratore della repubblica di Treviso, ha fatto richiesta di archiviazione dell’indagine al gip

TREVISO.  E’ stato archiviato il fascicolo relativo all’episodio che aveva destato  clamore nella  Marca, quando a maggio un carabiniere di Treviso aveva denunciato di non essere stato realmente vaccinato da un’infermiera. La sostituto procuratore Mara Giovanna De Donà, ha inviato al gip, che procederà in tal senso, la rchiesta di archiviazione. 

Il fascicolo era stato aperto a maggio:  un carabiniere si era presentato al Vax Point di Lughignano, frazione Casale sul Sile, per il vaccino anti-Covid, ma ne era uscito con il sospetto che il vaccino non fosse stato inoculato, il pistone non fosse stato premuto,  e il siero  fosse ancora all’interno della siringa.  Ne era seguita un’indagine dei carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazione) di Treviso. L’infermiera –   indagata per i reati di falso ideologico (sul certificato rilasciato al militare aveva sottoscritto l’avvenuto vaccino) e omissione in atti d’ufficio (perché non avrebbe inoculato il siero) -  si era anche scusata. 

Ora l’inchiesta sarà archiviata

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vinitaly, l'Abruzzo punta su bianchi e nuovi rosati

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi