Contenuto riservato agli abbonati

Lo slancio delle famiglie trevigiane: «Pronti a ospitare bimbi»

Prime mail di trevigiani di questo tenore arrivate sul tavolo della Prefettura. Ricognizione capillare degli spazi e delle disponibilità in tutta la Marca

TREVISO. «Siamo pronti ad aprire la nostra casa e ad accogliere sotto il nostro tetto a bambini e ragazzi afghani».

Una manciata di mail di questo tenore sono arrivate nelle ultime ore alla Prefettura trevigiana. Non si muovono dunque solo le categorie - Assindustria VenetoCentro è stata la prima, contattando direttamente governo e ambasciata italiana a Kabul per mettersi a disposizione di chi aveva collaborato con l’Occidente e le forze militari – mondo del volontariato, associazionismo cattolico e mondo sindacale.

Arrivano

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi