«Autostrada da liberalizzare e Cav potrebbe subentrare»

CONEGLIANO

A27 e Alemagna da bollino rosso, oggi, per chi da Conegliano, o da altre località, vuole salire sulle Dolomiti. Ben 20 cantieri da Treviso fino all’alto Comelico. «Due ore – protesta Paolo Casagrande, di Conegliano, con residenza in Alpago – da un sito all’altro, di sabato o domenica, quando durante la settimana impiego normalmente 40 minuti. È inaccettabile». «Liberalizzare l’A27»: è la parola d’ordine che il governatore Luca Zaia ribadisce, anche in relazione ai cantieri e ai relativi disagi, a margine dell’incontro sulle Colline Unesco a Conegliano.


I cantieri demotivano i turisti, specie in questo periodo di vacanza. «C’è una grande novità – aggiunge poi il presidente - è in approvazione, ma di fatto con la fiducia è già stata approvata, una nuova legge che permette a Cav, la concessionaria regionale, di presentarsi come concessionario ad eventuali gare per nuove concessioni e io sono convinto che, qualora scadesse la concessione, il Veneto c’è». Nel contempo va considerata fino in fondo la circostanza di «rendere assolutamente libera l’A27». Alla domanda sulla numerosità di cantieri fra l’A27, la statale 51, la 51 bis e la 52 carnica, Zaia ricorda che non sono lavori in capo alla Regione e che, comunque, hanno una tempistica, per la maggior parte, ragionata e motivata. Quanto alla cancellazione o riduzione dei pedaggi, sempre sull'A27, Zaia afferma che l’Antitrust fa bene a pretenderli là dove ci sono cantieri in corso. —



Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi