Oggi ancora nozze a Santa Maria organo bruciato ko, c’è la pianola

Cessalto. La parrocchia è corsa ai ripari dopo l’incendio di venerdì Don Mengehel: «Spiace per l’accaduto, ma siamo rimasti illesi»  

LA TESTIMONIANZA

Si torna alla vita normale a Santa Maria di Campagna dopo quanto avvenuto venerdì mattina, con l’incendio dell’organo mentre era in corso il matrimonio di Jessica Puppin e Nicola Marin. Oggi è previsto un altro matrimonio, evento raro di questi tempi, che verrà salutato certamente con gioia e senza alcuna paura del bis. Per l'organo occorrerà attendere, ma intanto ci si organizza con la pianola. Chi ha vissuto in prima persona l'episodio sfortunato di due giorni fa è stato don Riccardo Meneghel, parroco a Sarmede, Cappella Maggiore e Anzano di Cappella, originario proprio di Santa Maria di Campagna e conoscente dei due sposi. «Non è stato un dramma e la situazione non è mai stata tesa – tiene a precisare don Riccardo Meneghel, smentendo anche alcune voci che erano filtrate nei minuti concitati dell'episodio – in passato si sono verificati altri episodi simili. Ma non abbiamo avuto paura né io, nè tanto meno gli sposi o i fedeli». Don Meneghel ha evidenziato che la celebrazione è stata tranquillamente portata a compimento; gli sposi hanno firmato i documenti relativi all'atto di unione dal punto di vista ecclesiastico, in base cioè alle norme del diritto canonico vigente; e poi sono usciti. «L'incendio dell'organo ha mortificato, senza dubbio, i coristi e fiaccato l'animo dei volontari. Ma – conclude, tessendo gli elogi di tutti - le operazioni di evacuazione, grazie ai volontari stessi, sono state eseguite con ordine e senza cedere al panico. Poi sono arrivati i pompieri». —




Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi