Contenuto riservato agli abbonati

Piave, il fiume che unisce e divide la provincia, teatro di tragedie ma assiepato di bagnanti

Bagnanti sul Piave, nel luogo della tragedia. Lungo tutto il corso del fiume vige il divieto di balneazione, ma da sempre nessuno lo rispetta

Dalla stretta di Quero ai confini con il Veneziano, la spiaggia trevigiana a due passi da casa

Un giorno al Piave

L’acqua riflette l’azzurro del cielo. Si fa strada tra la ghiaia calcinata dal sole. Una pietraia che trasuda calore, ma la leggera brezza “portata in braccio dalla corrente” e l’acqua che scende dai monti danno refrigerio ai tanti che si avventurano sulle rive per sfuggire alla bolla di calore che da settimane ci perseguita.

Eccolo il “fiume sacro alla Patria” che scende quasi pigramente in estate ed entra in provincia di Treviso dalla stretta di Quero.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi