Castello di Godego, via il passaggio a livello: nasce l’atteso sottopasso

Regione e Rfi annunciano il progetto che toglierà il “tappo” al traffico tra Castelfranco e Bassano. Un cantiere da 11 milioni e due anni di lavori

CASTELLO DI GODEGO. Passaggio a livello di via Chioggia, via libera al progetto di eliminazione di un “tappo” importante nella viabilità tra Castelfranco a Bassano. Ad annunciarlo è l’assessore regionale alle infrastrutture Elisa De Berti, che annuncia anche una data in cui tutta la macchina si metterà in moto: nel 2022 infatti sarà avviata la gara d’appalto da parte di Rfi.

Nello specifico, l'intervento in via Chioggia prevede la realizzazione di una nuova strada e di un sottopasso fuori sede, posti in adiacenza all'attuale Sr 245. Con tale progetto si intende, inoltre, costruire una nuova pista ciclopedonale e una rotatoria, posta all'intersezione con la Sp 139.

Queste soluzioni progettuali garantiranno un'adeguata separazione tra i flussi di traffico, aumentando così la sicurezza della circolazione veicolare e ciclopedonale. L'importo totale, stanziato per l'esecuzione delle opere, risulta pari a 11,3 milioni di euro. I lavori avranno una durata complessiva pari a 610 giorni, durante i quali verrà sempre garantita la mobilità locale, riducendo al minimo il disagio derivante dal cantiere.


«È il risultato di un lavoro di squadra - dichiara De Berti - anche e soprattutto con l’amministrazione comunale di Godego e con quella provinciale di Treviso, che dimostra, ancora una volta, come sia fondamentale unire le forze per il bene comune». Ma questo annuncio ne comporta anche un altro, anzi due, per Castello di Godego.

Il primo è che nella piano dei passaggi a livello verrà mantenuto quello di via Ca’ Leoncino: negli anni scorsi sembrava che anche questo dovesse essere eliminato e dai banchi dell’opposizione c’era stata polemica per la realizzazione di una rotonda all’incrocio (molto pericoloso) tra questa strada e via Monte Grappa, che pareva inutile visto che via Ca’ Leoncino sarebbe stata interrotta al traffico. «Invece - dice il sindaco Diego Parisotto, togliendosi un sassolino dalle scarpe - la nostra scelta si è rivelata previdente, viste le decisioni prese successivamente dalla Regione».

Sarà invece chiuso il passaggio a livello su via Santa Giustina, senza realizzazione di nessun sottopasso. Questo avrebbe comportato l’isolamento di una decina di abitazioni: «Non sarà così - conclude Parisotto - Regione e Rfi si sobbarcheranno la spesa di creare una strada che collegherà i residenti di via Santa Giustina con via Pagnana». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi