In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
il mega cantiere

Sottopasso ferroviario, estate stravolta per auto, bus e treni

La posa del gigantesco monolite che contiene strada e ciclabile obbligherà allo stop della linea Montebelluna-Castelfranco. Tutti i lavori complementari

enzo favero
2 minuti di lettura

MONTEBELLUNA

Dal 25 luglio al 7 agosto sarà spinto il monolite del nuovo sottopasso ferroviario e in quel periodo saranno soppressi i treni lungo la tratta Montebelluna-Castelfranco, sostituiti da bus. Si tratta di un monolite lungo 37 metri e largo 16 che ospiterà la strada carrabile e la pista ciclabile nel tratto sottostante i binari. Si sta terminando la sua realizzazione all'interno del cantiere e contemporaneamente si sta lavorando alle rampe di accesso e di uscita in via Piave e nel viale della Stazione. Una volta pronto, il monolite sarà letteralmente spinto sotto la massicciata ferroviaria al ritmo di alcuni metri al giorno, con una benna all'interno del manufatto che toglierà i materiali di risulta.

Ad eseguire i lavori è la Brussi-Superbeton su incarico della Sis dal momento che il sottopasso di via Piave è un’opera compensativa della Superstrada Pedemontana Veneta. Tutto il lavoro dovrebbe essere concluso per i primi mesi del prossimo anno, dopodichè sarà definitivamente chiuso il passaggio a livello di via Piave e i veicoli dovranno entrare nel sottopasso, a forma ellittica, sbucare nel viale della Stazione e raggiungere la rotatoria di piazza IV Novembre, e viceversa. Oltre che nel cantiere ad est dei binari dove si sta realizzando il monolite, si sta lavorando anche a ovest della massicciata ferroviaria, sul viale della Stazione, con sospensione per un mese circa del transito per consentire di completare i diaframmi di contenimento della rampa di accesso al sottopasso.

Conseguenza per i pullman e gli altri veicoli è l'accesso al piazzale della stazione dal parcheggio di via Risorgimento, nonostante il suo tratto terminale sia un budello tra una recinzione privata e un edificio. Per facilitare il via vai in quel tratto terminale tra il parcheggio e il piazzale, sono stati soppressi i parcheggi in quella zona e istituito il senso unico alternato dopo aver verificato che i pullman, eliminati i parcheggi, riescono a girare a destra dal parcheggio stesso al piazzale per raggiungere l'adiacente autostazione. Quindi ora i pullman di Mom utilizzeranno in entrata il parcheggio di via Risorgimento, con diritto di precedenza nel tratto a senso unico alternato, mentre l'uscita sarà direttamente su via Risorgimento: il pratica la viabilità per i pullman è stata invertita.

Non è finita. Nel frattempo Rfi farà eseguire anche i lavori di consolidamento alla massicciata ferroviaria sulla linea Treviso-Belluno via Montebelluna e lì i bus sostitutivi entreranno in funzione da lunedì prossimo fino all'11 settembre. Saranno una ventina di corse per senso di marcia nei giorni feriali, con coincidenza a Montebelluna con i treni per Padova, tranne ovviamente per il periodo dal 25 luglio al 7 agosto quando anche tra Montebelluna e Castelfranco ci saranno solo i bus sostitutivi per via della posa del gigantesco monolite. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori