Contenuto riservato agli abbonati

Treviso, più controlli fai e più vieni pagato. Vigili urbani, ecco gli incentivi extra

Tre immagini di via Roma e via Orioli

Giro di vite contro baby gang e spaccio: sul piatto 90 mila euro sotto forma di straordinari per gli uomini della locale

TREVISO. Più fai controlli più vieni pagato. Ca’ Sugana vara un nuovo piano della sicurezza, in particolare notturna, per dare un ulteriore giro di vite in città contro degrado e spaccio. Per gli agenti della polizia locale che aderiranno al progetto ci sono 90 mila euro di incentivo a disposizione, che verranno distribuiti in base al raggiungimento di alcuni obiettivi «qualitativi e quantitativi» stabiliti dal comandante Andrea Gallo.

Il progetto sicurezza, portato in giunta martedì scorso dal sindaco Mario Conte, avrà due grandi filoni: controllo urbano e controllo stradale. Torneranno le pattuglie notturne anti-alcol, e in città verrà implementata l’attività di contrasto allo spaccio.

Quest’estate l’allentarsi del Covid e delle norme anti-contagio comporterà sicuramente un’attività notturna piuttosto intensa in città. A luglio con la riapertura delle discoteche, e senza coprifuoco, dopo un anno trascorso a rincasare di corsa dopo cena, è facile immaginare che tanti giovani si riverseranno in città e nei locali, non solo nel fine settimana.

Da qui la necessità di aumentare i controlli. Se ne prevedono almeno 400 con alcol-test o drug-test entro la fine dell’anno. Quaranta almeno invece i posti di controllo per la velocità. E più controlli vuol dire quindi, è un dato di fatto, più multe. Spetterà poi al comandante, rispetto ai criteri di valutazione presentati in giunta, ripartire i fondi tra gli agenti che aderiranno al servizio straordinario. Peserà il numero dei controlli effettuati in pattuglia e i risultati individuali, la flessibilità, e ovviamente le ore di servizio prestate, oltre ad altre capacità come quella di proporre soluzioni migliorative, saper lavorare per obiettivi e avere un certo grado di autonomia.

Insomma: sei i controlli saranno tanti e porteranno risultati, arriveranno più soldi in busta paga. Il piano straordinario però vuole migliorare non solo la sicurezza stradale, ma anche quella nei quartieri e in centro storico.

In queste settimane sono esplosi nuovamente i problemi di via Roma e via Orioli, con alcune risse che hanno portato il sindaco Mario Conte a vietare la vendita di alcol dalle 14 e ad anticipare alle 19 la chiusura delle attività di via Orioli. Per questo il comandante prevede di organizzare almeno 150 servizi da sei ore ciascuno aggiuntivi nei prossimi mesi per incrementare la sicurezza urbana.

Sorveglianza, contrasto allo spaccio, controlli con l’unità cinofila sono alcune delle attività che verranno eseguite, che saranno affiancate a controlli anagrafici in alcune aree particolarmente sensibili – si pensi a via Pisa e Borgo Capriolo – ma anche nelle piazza, in via Roma, a Sant’Andrea, e poi verifiche nei circoli privati e nelle sale slot.

Una stretta che la polizia locale non può svolgere solo con l’attuale personale in servizio, dovendo dunque ricorrere agli straordinari degli agenti, con l’extra-budget da 90 mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Valvola di una pressa da 400 quintali devasta la strada a Treviso

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi