Sabato arriva il Giro d’Italia U23. Piazza chiusa e deviazioni al traffico

Lo stop alle auto attorno alle 15, ma il cuore della città resterà off-limits per tutto il giorno. Previsto un circuito

CASTELFRANCOPiazza Giorgione chiusa tutto il giorno e deviazioni del traffico in Borgo Padova e nella zona industriale per l’ultima tappa del Giro d’Italia Under 23 che si conclude sabato a Castelfranco. Fervono i preparativi per questo appuntamento sportivo che, nelle intenzioni dell’amministrazione, vuole essere anche un rinnovato impegno nell’ospitare gare ciclistiche di livello, come era in passato ad esempio con il Circuito degli Assi: pensando anche al prossimo Giro d’Italia.

La tappa finale partirà da San Vito al Tagliamento e nella Marca transiterà per Conegliano, l’ormai “classica” Muro del Poggio, quindi Valdobbiadene, Cornuda, Maser, Asolo, Riese per il circuito finale a Castelfranco.

Lungo il tracciato, dalle 15, previsti blocchi momentanei del traffico per il passaggio della carovana, mentre in città scatterà le deviazioni saranno vigenti dalle 14 alle 16.30 quando è previsto l’arrivo e la premiazione in piazza Giorgione.

La deviazione per le direzioni Treviso-Padova, Vicenza-Treviso, Trento-Treviso, avverrà sulla SR53, dove si potrà percorrere la Strada Castellana fino alla rotatoria di congiunzione con la SR308, dirigendosi verso la rotatoria in Borgo Padova, Via De Amicis e via Larga fino a Campigo, proseguendo per via Lovara di Campigo, viale dell’Industria, Viale della Cooperazione, Viale dell’Impresa congiungendosi infine alla regionale SR53.

«Il Giro d’Italia Under 23 è una competizione di livello internazionale che ha visto negli ultimi anni ciclisti giovani che si sono affermati anche in campo professionistico», dice l’assessore allo Sport Franco Pivotti. «Per Castelfranco e per il movimento ciclistico, che vede una grande quantità di squadre, da dilettanti fino agli amatori, senza dimenticare i tanti appassionati di questa disciplina, è un momento di fondamentale importanza che esalterà il ciclismo e tutta la storia, la cultura e l’offerta turistica della nostra città».

«Anche per questo», aggiunge l’assessore al Turismo Gianfranco Giovine, «abbiamo voluto che l’arrivo fosse preceduto da un circuito che toccherà tre volte il centro storico: il Giro Under 23 gode infatti di una grande attenzione mediatica che costituirà una importante “cartolina” per la città».

Tra i principali sponsor Asco Tlc e le Colline del Prosecco Conegliano Valdobbiadene. «Abbiamo una tradizione ciclistica da tutelare, dal campione del mondo Alessandro Ballan a tanti campioni, a diversi appuntamenti storici per le due ruote», dice il sindaco Stefano Marcon.

«Abbiamo quindi voluto con forza questo appuntamento: un grazie speciale va ad Egidio Fior, anello di congiunzione tra il mondo del ciclismo e la nostra città e patron della società Zalf-Fior, al centro dell’attenzione proprio in questa competizione. Un rinnovato impegno per il mondo delle due ruote che continuerà il 1 luglio con l’arrivo di tappa del Giro del Veneto».

Ma si guarda anche alla “corsa rosa”, ovvero a quel Giro d’Italia che da tanto tempo manca a Castelfranco: «Ci stiamo ragionando», ammette Marcon, «ogni decisione deve essere presa a livello regionale. Da parte nostra c’è tutta la disponibilità anche per questo evento». Gli ultimi arrivi di tappa sono avvenuti nel 1991 e nel 1999, vedendo protagonisti rispettivamente Silvio Martinello (vincitore) e Franco Chioccioli (maglia rosa) e Mario Cipollini (vincitore tappa) e Marco Pantani (maglia rosa).

Video del giorno

Le Frecce Tricolori sopra le Cinque Torri: che spettacolo!

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi