Contenuto riservato agli abbonati

Gli apicoltori trevigiani: «Il miele d’acacia è ormai perso. Adesso salviamo gli alveari»

Gli 80 apicoltori dell’Opitergino-Mottense in ginocchio: «Maltempo e freddo hanno lasciato le api senza fiori, le nutriamo noi. Ora speriamo in tigli e castagni»

ODERZO. L’acacia è persa, in bilico la produzione di miele di quest’anno: gli oltre 80 apicoltori dell’Opitergino-Mottense tremano. All’indomani della giornata mondiale delle api, la produzione di miele sta affrontando uno dei momenti più neri degli ultimi 10 anni.

La natura in questi mesi si è rivelata matrigna, le piogge del mese di maggio e le gelate dei primi giorni di aprile hanno compromesso la fioritura di diverse piante, tra cui l’acacia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Crozza: "Renatino lavora 365 giorni l'anno? O si è comprato il caseificio o spot è ammissione di reato"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi