Contenuto riservato agli abbonati

Treviso, con i vaccini crolla la mortalità. Vittime in calo del 90 per cento da inizio anno

A maggio in media 1,4 vittime del Covid al giorno: erano 13 a gennaio. E da una settimana nessun nuovo ricovero

TREVISOUn muro invalicabile contro decessi e ricoveri, un “prima” e un “dopo” che si scorgono anche graficamente. È l’effetto vaccini: da quando è iniziata la campagna di massa sulla popolazione, nella Marca si sono ridotti drasticamente sia il numero dei casi gravi che quello dei decessi.

C’è una data simbolo: 16 febbraio 2021, il giorno in cui Mario Vivian, trevigiano di San Zeno, diventa il primo ottantenne a ricevere la sua dose di Pfizer. Da quel momento crollano, nei bollettini di Azienda Zero, i decessi giornalieri, con effetto quasi immediato ma più evidente da metà aprile in poi.

A maggio, in provincia di Treviso, ogni giorno sono morte per colpa del Covid 1,4 persone, e da quattro giorni non si registrano nuovi decessi. Ne morivano in media, ogni giorno, 3 a marzo e aprile, 8 a febbraio, 13 a gennaio, 12 a dicembre, 6 a novembre. Un’ecatombe che fatto schizzare il contatore dei decessi legati al Covid nella nostra provincia a quota 1.804.

I ricoveri si sono comportati in modo diverso. A marzo l’Ulss 2 ha registrato una terza ondata - di dimensioni inferiori alla seconda - che ha portato a superare i 300 posti letto occupati da pazienti Covid. Nel contempo si abbassava l’età media dei degenti: gli ultraottantenni, protetti dal vaccino, non finivano più in ospedale. Con l’ampliamento della campagna vaccinale, da metà aprile anche i ricoveri sono crollati, e da una settimana gli ospedali dell’Ulss 2 non registrano nuovi ingressi collegati al virus.  

Video del giorno

Lo spot della birra argentina per la Copa America che celebra Maradona è semplicemente geniale

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi