Rubati i fiori della tomba, ultimo sfregio a Mattia

Odioso furto in cimitero dove è stato sepolto il giovane morto in cantiere dopo essere stato schiacciato dal carico precipitato da una gru. Sdegno unanime del mondo politico

MONTEBELLUNA. Sdegno in città per lo sfregio perpetrato alla tomba di Mattia Battistetti, il 23enne morto sotto un carico di ponteggi appena una settimana fa. Davanti alla tomba ci sono ancora tantissime composizioni di fiori, quelle che c'erano ai funerali, ma i fiori sono stati rubati e con essi anche una sigaretta che era stata posata sotto la lapide dagli amici come ricordo. Adesso di sigarette ce ne sono due, ma il gesto di portare via i fiori e la sigaretta lasciata lì come ricordo dagli amici ha suscitato una ondata di sdegno sui social.

E anche il sindaco Elzo Severin esprime il suo rammarico per tale episodio: «È un fatto increscioso, incommentabile, che suscita sgomento e indubbia disapprovazione. Viene da chiedersi davvero dove sia finita l’umanità e, purtroppo, la speranza che questo periodo difficile causato dalla pandemia potesse renderci migliori inizia a vacillare», è la reazione di Elzo Severin.

«Non si comprende il senso di un’azione simile che offende la memoria del giovane Mattia e l’immenso dolore della famiglia, degli amici e dell’intera comunità montebellunese. Non posso che rinnovare a nome mio e di tutta l’amministrazione la vicinanza alla famiglia Battistetti. Purtroppo il sistema di videosorveglianza non copre l’area in cui il giovane è sepolto, ma mi auguro che gli autori di questo gesto si ravvedano, si assumano le proprie responsabilità e rimedino al terribile atto compiuto».

È una piaga annosa, quella del furto di fiori sulle tombe. «Un gesto inqualificabile - lo definisce il capogruppo Pd, Davide Quaggiotto - Chi ha commesso questo atto è sicuramente senza cuore. Per quanto riguarda la questione della videosorveglianza nei cimiteri sarebbe opportuno un confronto per fare il punto della situazione ed eventualmente intervenire per rafforzare l'impianto». —


 

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi