Diverbio stradale pestato ex della Liventina

motta di livenza

Un calciatore dilettante di 21 anni, Vincenzo Ferri, tesserato per la Julia di Concordia Sagittaria e cresciuto nella Liventina di Motta, è stato aggredito a poche ore dalla festa del 1° maggio a Borgo Sant'Agnese (Portogruaro) al culmine di una banale discussione stradale: ha rimediato ferite al volto guaribili in meno di un mese. Il fatto sconcertante si è verificato nei pressi di un attraversamento pedonale. Il ragazzo, alla guida della sua automobile, stava rincasando: si è bloccato a due metri dalle strisce pedonali, di fronte al negozio di abbigliamento sportivo Barbuio. La condotta regolare di guida di Ferri, che ha presentato denuncia ieri mattina ai carabinieri, non è stata compresa dal pedone che stava attraversando, un uomo sui 40 anni di Portogruaro: costui stava accompagnando nell'attraversamento la compagna e i figli. Spaventato dall'arrivo della vettura di Ferri ha perduto il cellulare dalle tasche. Lo ha recuperato e ha proferito improperi contro il 21enne, reo (a suo dire) di aver arrestato la vettura in modo brusco, mettendo in pericolo l'incolumità sua e dei familiari. Sembrava che la discussione potesse concludersi lì. Ma il pedone ha raggiunto Ferri, che aveva il finestrino abbassato, e gli ha sferrato un pugno in pieno volto, rompendogli gli occhiali. Inoltre ha aperto la portiera dal lato guida, ha scaraventato il calciatore per terra e ha continuato a percuoterlo, lasciandolo sull'asfalto.


Ripresosi dallo spavento, il 21enne non si è perso d'animo e ha raggiunto in pochi minuti il vicino pronto soccorso. Sul luogo del pestaggio sono accorsi una gazzella dei carabinieri e una pattuglia della Polizia. —

Rosario Padovano

Video del giorno

Lo spot della birra argentina per la Copa America che celebra Maradona è semplicemente geniale

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi