Contenuto riservato agli abbonati

Esposto dei genitori a Monfumo: «I pasti in mensa a scuola non sono conformi a quanto previsto»

La scuola primaria e dell’infanzia di Monfumo

Il comitato lamenta l’assenza delle schede tecniche del cibo e difformità rispetto agli standard previsti nell’appalto

MONFUMO. “Tanto tuonò che piovve”, così dopo diversi mesi di tira e molla tra il Comune di Monfumo e il comitato dei genitori degli alunni che frequentano la scuola primaria e quella dell’infanzia, sono arrivate le carte bollate. Ben diciannove sono i firmatari dell’esposto con contestuale atto di denuncia-querela inviata alla Procura della Repubblica tramite la Guardia di Finanza di Montebelluna.

L’ispezione


La vicenda parte dal 2018 quando il Comune di Monfumo appaltò il servizio mensa per le scuole comunali alla Gemeaz Elior spa, azienda con sede legale a Milano, al prezzo di aggiudicazione di 3,47 euro per la scuola primaria e di 2,77 euro per quella dell’infanzia.

Video del giorno

Quanti sono i lupi in Italia e dove sono: come è stato fatto il monitoraggio nazionale

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi