Contenuto riservato agli abbonati

Colline Unesco, censimento al via per stalle e ruderi: cento diventeranno ostelli e agriturismi

Altri Comuni stanno seguendo l’esempio di Valdobbiadene. Potrebbero essere più di un migliaio. E poi ci sono le case abbandonate all’interno dei borghi, piccoli e grandi: da Valdobbiadene stessa a Farra di Soligo, da Combai a Campea, da Zuel a Costa, ad altri caseggiati di Tarzo

CONEGLIANO. Da parte dei sindaci del territorio Unesco è in corso, sull’esempio di quanto ha fatto Luciano Fregonese di Valdobbiadene, il censimento delle stalle che, come i funghi, crescono sulle colline Unesco.

Potrebbero essere più di un migliaio. E poi ci sono le case abbandonate all’interno dei borghi, piccoli e grandi: da Valdobbiadene stessa a Farra di Soligo, da Combai a Campea, da Zuel a Costa, ad altri caseggiati di Tarzo.

È

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi