Contenuto riservato agli abbonati

Cinema, Edera e Verdi i primi a ripartire nella Marca

Da sinistra Giuliana Fantoni, il papà Sandro e la mamma Lilly, titolari del cinema Edera a Treviso

Il 29 aprile si riaccendono i proiettori, in tanti però aspetteranno maggio o l’estate. I gestori: «Ancora troppi vincoli, senza bar aperto non pagheremo le spese e toglieteci il coprifuoco» 

TREVISO. È finita la lunga astinenza da grande schermo dei cinefili trevigiani: la prossima settimana si riaccenderanno i proiettori di due multisala in provincia, l’Edera di Treviso e il Verdi di Vittorio Veneto, forti di uscite che concorrono agli Oscar, come “Nomadland”, già Leone d’oro alla scorsa Mostra del cinema di Venezia, e il film coreano rivelazione “Minari”. La data da segnare in calendario è giovedì 29 aprile, quando gli spettatori trevigiani potranno essere riaccolti con i nuovi protocolli di sicurezza, cioè distanziamento di un metro l’uno dall’altro, salvo i congiunti che potranno sedersi vicini, ma come tutti, indossando la mascherina per l’intera durata dello spettacolo.

Nodo coprifuoco


«Il mio telefono è rovente in...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi