«Le nostre imprese umiliate ora un calendario di aperture»

treviso

«Le nostre imprese sono state umiliate». La sintesi è di Tullio Nunzi, commissario provinciale di Unascom, a margine della presentazione dei dati del “Report Covid”. «Umiliate quando i ristori erano il 3% di quello che si era perso, quando arrivavano dopo sei mesi o un anno, quando siamo andati incontro alla lotteria degli scontrini. I tempi delle imprese non sono quelli dello Stato. Le richieste sono di diversa natura: pianificazione delle riaperture, o saranno danni irreparabili; vaccinazioni e moratorie fiscali e creditizie. La cosa più importante è fissare un calendario delle riaperture, oppure salterà un intero sistema di imprese. Io sono abbastanza scettico. Indennizzi, moratorie, sostegni, sgravi fiscali, tax free sono gli strumenti indispensabili che vanno collocati in una strategia di riaperture. L’incertezza, come abbiamo visto, logora e uccide e non è più tollerabile: ha inciso pesantemente sulla voglia di fare impresa che per decenni ha caratterizzato il NordEst e in particolare questa provincia, che del Nordest è stata la locomotiva: siamo immersi in un pericoloso nichilismo diffuso, un terreno fertile per infiltrazioni e distorsioni. Il tempo della politica non è il tempo dell’impresa».


«L’indagine ci restituisce uno scenario di cambio d’epoca» conferma Federico Capraro, presidente Confcommercio provincia di Treviso. «La gestione della pandemia, l’imposizione di restrizioni draconiane e tra di loro incoerenti, l’esiguità dei ristori, hanno messo in evidenza come non ci sia stata la volontà di sostenere la piccola impresa, un modello colpito a fondo in questi lunghi mesi che invece avrebbe dovuto essere al centro di ogni politica governativa. Discriminazioni tra settori merceologici, provvedimenti tra di loro contraddittori, burocratici e altalenanti hanno creato uno stress test che cambierà la geografia di città e paesi e che ha mutato le abitudini dei consumatori e umiliato le imprese nel loro spirito più profondo. Stiamo comunque lavorando alla ripartenza, e abbiamo messo in cantiere corsi e progetti per accompagnare le imprese verso la nuova normalità». Analoghe riflessioni, ieri, anche da parte di Rino Rinaldin, presidente Ascom Oderzo, Pierluigi Sartorello, Ascom Castelfranco, e Michele Paludetti, Ascom Vittorio Veneto. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Gian Piero Gasperini: "Cristiano Ronaldo non devo presentarlo io: è straordinario"

Rosti di uova e rapa rossa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi