In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

«Basta danneggiamenti alle giostrine: adesso aumentano i controlli»

D.N.
1 minuto di lettura

San Zenone

Bullo avvisato, mezzo salvato: a fronte delle manomissioni delle giostrine appena installate nel parco comunale di via Canova, il sindaco Fabio Marin mette sul chi va là i responsabili: se individuati, dovranno rifondere i danni.

«Avviso i ragazzuoli (e i genitori di tali ragazzuoli)», ha scritto il sindaco sui social, «che da domani predisporrò un sistema di identificazione di coloro che si recano al parco comunale per fare danni, manomettere o utilizzare irresponsabilmente le giostrine da poco installate. Chi rompe, paga. Stiamo migliorando il parco comunale e non ci fermeremo davanti alla poca educazione, all’ignoranza e alla sfacciataggine».

Nel parco, infatti, sono state installate dodici giostrine, di cui alcune adatte anche per i bimbi disabili: «Dispiace davvero che la fatica di tante persone sia compromessa da certi comportamenti», spiega Marin, «a breve sarà in funzione anche la videosorveglianza, non appena approveremo il regolamento comunale per il suo utilizzo».

Al momento la sorveglianza è stata affidata ai carabinieri in congedo e alla Protezione civile.

«Il parco si sta già caratterizzando come un centro di aggregazione e lo sarà di più quando cesseranno le limitazioni in vigore», conclude il sindaco di San Zenone, «per questo avvieremo un concorso di idee tra i ragazzi per dare anche un nome a questa struttura, rinata dopo anni di decadenza». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori