Contenuto riservato agli abbonati

Covid, i picchi di vittime nei comuni del trevigiano: a Cison un settembre nero con più 500 per cento

Da Moriago a Zenson di Piave a Crocetta a San Pietro alla piccola Portobuffolè le terribili escalation nei paesi Quel bimestre senza vittime

TREVISO. Cison di Valmarino, lo scorso mese di settembre, aveva registrato 6 decessi. In numeri assoluti, poco più di 1 a settimana: chissà se nel piccolo splendido borgo pedemontano sanno di aver firmato un piccolo record provinciale, di cui non essere orgogliosi. Perché rispetto alla media dei morti di settembre dell’ultimo quinquennio, il saldo è + 500%.

Nel 2020, nessun altro comune trevigiano, su base mensile, ha registrato un incremento percentuale simile, quanto a mortalità.


Subito dietro, in questa triste graduatoria, ecco Moriago della Battaglia.

Video del giorno

Quanti sono i lupi in Italia e dove sono: come è stato fatto il monitoraggio nazionale

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi