Contenuto riservato agli abbonati

"Mio padre è morto, ma il Comune di Motta non ha ancora pagato i lavori da lui fatti 30 anni fa" 

Mario Nicorelli, figlio dell’artista scomparso, chiede il saldo alla giunta. Il sindaco Righi replica: "Ho studiato la vicenda, non dobbiamo pagare nulla"

MOTTA. Lavori di restauro all’ ex scuola in via Albano, dopo quasi 30 anni il figlio dell’artista Nicorelli chiede il rimborso al Comune con un video di protesta. A quasi un anno dalla morte di Mario Nicorelli, spentosi a 88 anni, pittore, incisore e poeta, il figlio che porta lo stesso nome ha chiesto al Comune la restituzione della cifra utilizzata dal padre per ristrutturale l’ex scuola di Albano.

«Devo

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Bengala Fire, l'appello al voto di Cornuda: "Facciamoli splendere fino alla vittoria"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi