Contenuto riservato agli abbonati

Raffica di truffe online nel Trevigiano: sottratte anche credenziali bancarie

Potenziali vittime gli anziani ma non solo: ad agire giovani pregiudicati che si fingono anche del sistema antifrode della propria banca

TREVISO. Truffe online ai tempi del Covid, 8 denunciati per un importo di quasi 30 mila euro. Sono sempre di più le persone ingannate da truffatori seriali, che in tempi di Coronavirus aumentano esponenzialmente. Nella rete sono finiti pensionati, commercianti, operai e casalinghe.

I truffatori sono spesso giovani, con precedenti, non del posto, che si spacciano per operatori bancari e anti frode e riescono a farsi accreditare anche somme di 10 mila euro con ogni stratagemma, sottraendo credenziali di conti corrente o facendosi versare sul conto denaro per cucine, affitti di appartamenti vacanze e molto altro.

I carabinieri di Riese hanno denunciato due napoletani poco più che trentenni, i quali spacciandosi per operatori bancari antifrode e...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Trentanove arresti, smantellata la nuova Mala in Veneto: il video del blitz a Mestre

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi