Contenuto riservato agli abbonati

Treviso, decine di insegnanti a casa in malattia dopo il vaccino contro il Covid

Alle medie Coletti e Bianchetti gli alunni escono un'ora prima. Al liceo Duca degli Abruzzi 15 professori assenti su 130. Accusati febbre, malessere e dolori alle ossa. Si parla di alcune scuole costrette alla chiusura

TREVISO. Diversi insegnanti fuori gioco, oggi lunedì 22 febbraio, nella Marca, per i malesseri post vaccino contro il Covid. Decine e decine le maestre e i professori che hanno presentato il certificato medico dopo la somministrazione, sabato e domenica, della dose di AstraZeneca, vaccino che è stato scelto per essere inoculato agli insegnanti: ai trevigiani così come ai loro colleghi di tutta Italia.

Confermati i disagi nelle scuole medie: alle Coletti e alle Bianchetti di Treviso i ragazzini escono un'ora prima. Al liceo Duca degli Abruzzi su 130 docenti, 15 sono assenti con febbre e dolori alle ossa.

Incandescente la situazione nelle scuole dell'infanzia private, in alcuni casi sarebbero rimaste addirittura chiuse. 

Per la Regione Veneto il fenomeno rientra però nella norma. Michele Mongillo, medico di sanità pubblica, direttore prevenzione e sanità pubblica della Regione Veneto: "Abbiamo cominciato la vaccinazione con AstraZeneca questa settimana, c'è stata qualche reazione locale, in particolare la febbre. Sono oltre seimila le dosi somministrate, pochi i casi di reazioni locali sono stati segnalati ai nostri uffici. Si tratta di un fenomeno transitorio e che d'altro canto significa che il sistema immunitario sta reagendo al vaccino". 

Video del giorno

Napoli, il maestro Riccardo Muti cade durante il festeggiamento dei suoi 80 anni

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi