Contenuto riservato agli abbonati

Ladri in casa di riposo. Rubati tutti i gioielli degli anziani ospiti

I malviventi, di notte, hanno scardinato la cassaforte. La direttrice: «Colpo odioso, non lo diciamo ai pensionati»

CORNUDA. Il bottino complessivo è stato magro, al più un migliaio di euro, ma il furto è uno di quelli odiosi, perché ad essere portati via sono stati braccialetti, anellini, medagliette degli ospiti della casa di riposo Villa Fiorita di Cornuda, assieme ad un po' di soldi. In quella cassaforte nascosta dietro un quadro negli uffici della casa di riposo non c'erano particolari valori, ma i gioiellini lasciati in custodia da ospiti che sono da tanati anni a Villa Fiorita.

IL FURTO


I ladri dovevano essere perfettamente a conoscenza di dove era collocata la piccola cassaforte che si apre con una chiave, e dovevano anche sapere che non ci voleva chissà quale abilità per aprirla, perché non hanno frugato alla ricerca del posto dove era o frugato nei cassetti, ma sono andati a colpo sicuro. Il furto è stato messo a segno la notte di mercoledì.

Per entrare i ladri hanno forzato, probabilmente con un piede di porco, una porta finestra degli uffici dell'amministrazione che dà sulla strada. Una volta all'interno hanno staccato il quadro che copriva la cassaforte e con lo stesso attrezzo l'hanno aperta e hanno prelevato quello che c'era all'interno. Il personale in servizio di notte nelle camere non ha sentito nulla.

L’AMAREZZA DELLA DIRETTRICE

«Non era mai accaduta una cosa del genere - confida la direttrice di "Villa Fiorita", Tania Santi - e mai avremmo pensato che venissero a rubare in casa di riposo, tanto che non ci sono telecamere di videosorveglianza e tanto meno esiste un sistema d'allarme. Ma adesso ci attrezzeremo per mettere un impianto di videosorveglianza. È stato un furto odioso perché è andato a colpire gli anziani ospiti nei loro ricordi».

I proprietari di quegli ori sono ancora all'oscuro di quanto accaduto, non i loro familiari, che sono stati già avvisati. «Già gli ospiti vivono una situazione difficile a causa della pandemia, perché si trovano isolati e non ne capiscono fino in fondo il motivo - spiega Tania Santi - e quindi abbiamo ritenuto opportuno non dire che i loro ori erano stati rubati, per evitare di provocare loro uno shock. Abbiamo perciò avvisato solo i loro famigliari».

Scoperto il furto, è stata fatta denuncia ai carabinieri della stazione di Cornuda che hanno avviato le indagini per cercare di individuare i ladri. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Le Frecce Tricolori sopra le Cinque Torri: che spettacolo!

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi