Piogge, nutrie e argini corrosi: 900 mila euro per “restaurare” i canali

san biagio di callalta

Dalla Regione arrivano 900 mila euro per il ripristino degli argini nei canali, corrosia causa delle abbondanti piogge e dei fori scavati dalla forte presenza delle nutrie. Il finanziamento sarà investito dal Consorzio di bonifica Piave, direttore dei lavori Stefano Pestrin, e interesserà soprattutto i canali di San Biagio, Roncade, Monastier ed in parte minore Oderzo e Meduna. Fiorenzo Lorenzon, componente del cda del consorzio, spiega: «Da tempo abbiamo lavorato per creare una mappatura dei punti maggiormente a rischio del nostro territorio. Oggi il cosiddetto “clima pazzo” è diventato una costante e dobbiamo essere tempestivi. Inoltre da tempo assieme ad altri agricoltori abbiamo evidenziato il problema della consistente presenza delle nutrie che hanno determinato lo smottamento dei terreni in alcune zone del Roncadese e del Sambiagese».


A Roncade i canali interessati agli interventi sono: Scolo Vallio delle Carboncine, Fusana, Vallio, Musestre e Meolo; a San Biagio i canali Spinosola, Scolo Riuletto, Scolo Vallio delle Carboncine e Meolo; a Monastier il canale Meolo. La presenza delle nutrie è consistente soprattutto in località Ca’ Lion (San Biagio) dove il roditore si è costruito una sorta di quartier generale. A Rovarè tempo fa le nutrie avevano letteralmente eroso un argine. Lorenzon, che è anche presidente della locale Coldiretti, aveva denunciato questi fatti. Nel 2017 un agricoltore a bordo del trattore era sprofondato a causa dei buchi scavati nul terreno. Fortunatamente rimase illeso.

Adesso questo finanziamento almeno rimetterà in sicurezza gli argini. —



Lattuga al forno con alici e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi