Contenuto riservato agli abbonati

Campagna vaccinale anti Covid, a Treviso partite le telefonate a cinquemila ottantenni 

Attese 13 mila dosi entro l’8 febbraio: «Chiudiamo con i richiami e partiamo con gli anziani che avranno la precedenza». Maxi ambulatorio all’ex Provveditorato

TREVISO. Cinquemila telefonate ad altrettanti ottantenni per la convocazione alla seduta vaccinale. Non lettere, dunque, che potrebbero impiegare troppo tempo a raggiungere i destinatari.

Se tutto andrà bene l’inoculazione delle prime dosi agli appartenenti alla classe 1941 potrebbe avvenire a metà febbraio, forse già lunedì 15. Ma occorre dirlo sottovoce perché il calendario è strettamente legato alla consegna dei vaccini da parte della Pfizer-Biontech da cui dipende la fornitura più cospicua.

Nel frattempo la mappa dei grandi spazi si arricchisce di una nuova sede.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Colli asolani, il suggestivo belvedere e la natura nei pressi della chiesetta di San Giorgio

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi