Taglio dosi Pfizer, a Treviso salta il v-day del 23 gennaio per seimila persone

Ne ha parlato oggi il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi, incontrando la stampa. «Domani - riferisce il manager - arriveranno 3.510 dosi, cioè circa la metà di quanto era stato inizialmente a noi destinato

TREVISO. La prevista riduzione nella fornitura delle dosi di vaccino anti Covid-19 annunciato dall'azienda farmaceutica Pfizer costringe l'Azienda Ulss 2 di  Treviso ad annullare il «V-Day» inizialmente fissato per il 23 gennaio prossimo in cui, grazie anche ad un'intesa con sigle di categoria della professione medica, la dose avrebbe dovuto essere somministrata a 6.000 persone.

 
Ne ha parlato oggi il direttore generale della stessa Ulss n.2, Francesco Benazzi, incontrando la stampa. «Domani - riferisce il manager - arriveranno 3.510 dosi, cioè circa la metà di quanto era stato inizialmente a noi destinato.
 
Da oggi alla fine del mese, perciò, utilizzeremo il farmaco disponibile solo per somministrare la seconda dose a chi sia già stato vaccinato una prima volta, allo scopo di non vanificare la prima iniezione, e dovremo rinunciare - ha concluso Benazzi - ad avviare come previsto le vaccinazioni alle prime fasce di ultraottantenni»
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il coraggio della madre elefantessa: per difendere il cucciolo calpesta a morte un coccodrillo

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi