Contenuto riservato agli abbonati

Diocesi di Vittorio Veneto in lutto: Monsignor Battistin stroncato da un infarto

Don Roberto ha prestato servizio in tante comunità locali. Aveva 71 anni, inutile il ricovero d’urgenza in ospedale 

MARENO DI PIAVE. Monsignor Roberto Battistin è stato stroncato da un infarto sabato 9 gennaio. Il sacerdote era stato ricoverato d’urgenza presso l’ospedale di Conegliano e quel malore improvviso non gli ha lasciato scampo.

La repentina scomparsa di Monsignor Battistin ha lasciato attonita la comunità dei fedeli. «Una guida spirituale senza eguali. Che Dio lo premi come merita. Un grazie speciale a te Don Roberto, per tutto quello che abbiamo ricevuto dalla tua grande fede cristiana»: questo e molti altri i messaggi lasciati in memoria di un uomo che ha saputo conquistare con le sue parole piene di amore e carità.


Il religioso era originario di Lutrano, terra a cui rimase sempre molto legato. Giovanissimo, sull’esempio dello zio don Mario Battistin, aveva deciso di dedicare la sua esistenza alla cura spirituale del prossimo, venendo ordinato sacerdote a 25 anni dall’allora vescovo di Vittorio Veneto, monsignor Antonio Cunial. Così ebbe inizio la vita sacerdotale di don Roberto, che prestò servizio in numerose parrocchie della diocesi: Cordignano, Santa Maria di Campagna, Gainiga, Tempio, Ogliano, Scomiglio, tutti luoghi in cui il sacerdote è ricordato con profondo rispetto. Oltre all’attività di parroco si è sempre distinto per essersi speso totalmente per chi aveva bisogno. Nel 1974 fu nominato assistente di Azione cattolica, dal 1995 al 1998 rivestì il ruolo di collaboratore per il centro diocesano della famiglia, dal 1998 al 2004 fu inoltre vice direttore e poi presidente delegato della Casa Toniolo di Conegliano. Dal 2000 aveva assunto l’incarico di assistente spirituale del gruppo dell’istituto secolare delle Missionarie della Regalità e dal 2010 era stato istituito canonico titolare e penitenziere del Capitolo della Cattedrale. Da un paio di anni viveva a Mareno di Piave, dove collaborava con il parroco don Mario Fabbro.

«L’amministrazione comunale si unisce al cordoglio per l’improvvisa scomparsa di don Roberto Battistin – si legge in una nota del Comune di Mareno di Piave – È stato un punto di riferimento, supporto e guida per molti concittadini e con il suo spirito profondo riusciva a trasmettere messaggi importanti, bagaglio prezioso per la nostra comunità». L’ultimo saluto mercoledì 13 nella chiesa parrocchiale di Lutrano. –


 

Video del giorno

L'Aquila, abbattuto il Viadotto Cerqueta sulla A24: la demolizione controllata vista dal drone

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi