Addio a Venerina Pavan, con i suoi costumi ha colorato il mondo del pattinaggio trevigiano

Venerina Pavan con il costume creato per Laura Mestriner

Aveva 86 anni, era stata ricoverata in Malattie infettive il 16 novembre. Tra le persone per cui aveva lavorato, la campionessa Laura Mestriner 

TREVISO. Ha colorato il mondo del pattinaggio trevigiano, lo ha riempito di fantasia, linee e disegni, passione, arte. Venerina Pavan, vedova di Bruno Spigariol, se n’è andata mercoledì a 86 anni dopo aver contratto il Covid e senza altre “patologie pregresse” significative.

La città di Treviso la ricorda come la creatrice di tanti costumi per il pattinaggio, la sua famiglia come una mamma affettuosa e una nonna innamoratissima dei suoi nipoti. «I suoi 86 anni li portava bene» ricorda oggi la figlia Roberta Spigariol, «abitavamo a San Lazzaro, poi ci siamo trasferiti a San Trovaso. Una persona solare e positiva, una leonessa che difendeva la sua famiglia con le unghie e con i denti».

Professionalmente, il suo nome evoca immediatamente i costumi del pattinaggio: «Io pattinavo, lei ha iniziato a seguirmi ed era diventata la costumista di tutta Treviso» ricorda ancora la figlia, «per tutte le società faceva i vestiti e i costumi, in questi giorni mi ha riempito il cuore vedere che tantissime ragazze, ormai signore, se la ricordano in modo positivo. Aveva iniziato con Laura Mestriner, che poi è diventata un’atleta professionista. Mia mamma era sempre con il metro al collo e una fantasia estrema».

Impossibile capire dove abbia contratto il virus: era attenta, usciva poco di casa e sempre con la mascherina. Era stata ricoverata a Treviso il 16 novembre, in Malattie infettive, poi era stata spostata in Pneumologia. In città era conosciutissima, e così lo sono anche le sue figlie: Roberta, ingegnere dirigente del settore lavori pubblici in Comune a Treviso, e Rita, insegnante al liceo Canova. Era attaccatissima ai suoi nipoti, Marco, Jeena, Francesco e Dennis. Il rito funebre sarà celebrato stamattina alle 10 nella chiesa parrocchiale di San Trovaso. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi