Contenuto riservato agli abbonati

A Treviso urla, foto choc e inni al duce: incursione hacker al convegno

Il Teatro Del Monaco illuminato di rosso contro la violenza sulle donne

Manomissione nel pieno dell’incontro on line contro la violenza sulle donne. Già pronta la denuncia alla Postale. Oggi, 25 novembre, iniziative e sit-in in tutta la Marca

SILEA. Convegno contro la violenza di genere interrotto dagli hacker. Che hanno iniziato a inneggiare al Duce e a diffondere immagini di maltrattamenti: pronta la denuncia. È successo lunedì 23 novembre, ai danni dell’evento online organizzato da Pari opportunità in rete dei Comuni di Carbonera, San Biagio e Silea, con la partecipazione di Telefono Rosa, Centro Antiviolenza Treviso e cooperativa LaEsse.

Proprio da uno dei profili di queste realtà i pirati informatici avrebbero effettuato l’incursione telematica prendendo possesso in tutto e per tutto della piattaforma. All’evento via web stavano presenziando virtualmente numerosi cittadini, oltre alle autorità dei Comuni e agli ospiti. Da parte degli hacker, ovviamente, nessuna registrazione preventiva.

D’improvviso l’attacco, pare da più profili e l’inizio di un vero e proprio incubo per i partecipanti: urla, offese, immagini di violenza proiettate a tutto schermo, odi al fascismo e via dicendo. Fino all’abbandono della piattaforma online, di fronte allo sconcerto dei presenti. I tre Comuni promotori, assieme alla cooperativa LaEsse, sono pronti a sporgere denuncia alla Polizia postale, con l’obiettivo di non farla passare liscia agli autori della violenza informatica, che nella Marca non trova precedenti, tantomeno alla vigilia della giornata contro la violenza sulle donne, che si tiene oggi. Il fatto, a differenza di altri attacchi ai danni di sistemi informatici di importanti aziende, non avrebbe obiettivi di estorsione.

Ma pare sia sembrato un tentativo di sabotaggio dell'iniziativa, per mano di un gruppo di odiatori seriali, i cosiddetti haters, forse organizzati e adescati proprio sul web. Quanto subìto dal progetto trevigiano rientrerebbe in tutto e per tutto nel crescendo di violenza - fisica, verbale e non solo - che, proprio con il web, risulta un fenomeno drammaticamente in aumento in tutto il Paese. Ma starà agli inquirenti capire il tutto. Da parte dei Comuni, ad oggi, nessun commento specifico.

Le iniziative

Molte le iniziative che verranno promosse oggi in tutta la Marca contro la violenza sulle donne. «Solo una maggior presenza di donne nei posti di vertice della società porterà, nel tempo, l’auspicato cambio di mentalità e l’eliminazione della violenza contro di esse» è l’appello di Mariarosa Battan, presidente di Cna Pensionati di Treviso e storica attivista. Da Treviso, la Rete al femminile chiede invece per la giornata di oggi, alle 19, di collegarsi in diretta social o postare un video in primo piano, stando in silenzio per soli 10 secondi ed andando a coprire l’obiettivo con la mano sulla quale ci sarà scritto in rosso un semplice «no». A porta Santi Quarantain città sarà posizionata una sedia, con al di sopra un paio di scarpe rosse, simbolo del posto occupato da tutte le donne vittime di violenza. Sempre nel capoluogo l’illuminazione con fasci rossi del teatro Del Monaco. Iniziative simili anche in altri Comuni. —


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi