Nelle Rsa calano i positivi Uno striscione per gli operatori

A Villa D’Argento i familiari hanno ringraziato il personale In tutta la Marca il numero dei contagiati nelle strutture è sceso sotto le 200 unità

SILEA

A Villa D’Argento da settimane le visite agli ospiti sono sospese, le operatrici armate di smartphone e tablet mettono in collegamento i familiari con i loro cari. Ma certo incontrarsi è tutt’altra cosa. Ieri per incoraggiare i loro anziani è comparso un cartello fuori dalla casa di riposo. «Vi vogliamo bene. Torneremo ad abbracciarvi», recita. Anonimi gli autori, «pensiamo siano i familiari. È stata una sorpresa molto apprezzata sia dagli operatori che dagli ospiti», dice la direttrice di Villa d’Argento Lucia Gobbo. La casa di riposo di Silea ieri era fortunatamente ancora Covid free, oggi ci sarà una nuova tornata di test.


Ma nelle Rsa della Marca, dopo un po’ di tempo, è sceso il numero dei positivi: 17 gli ospiti negativizzati e 39 gli operatori che hanno superato il Covid. Scende dunque sotto i 200 il numero degli ospiti positivi. Le più colpite rimangono quelle di Valdobbiadene (San Gregorio) e Crocetta (Villa Belvedere), ma sono una decina i focolai scoppiati negli ultimi giorni, tra cui quello scoperto nelle ultime ore nella sede di Villorba di Casa Marani. Alla Residenza Anziani Città di Treviso di Santa Bona, si confermano 3 positivi su 34 residenti, negativi i dipendenti. Al Menegazzi, un residente e un operatore sono positivi. All’Israa sui 20 positivi, 16 ieri si sono già negativizzati, mentre due gli operatori che risultano ancora positivi. Mentre due casi sono registrati a Costa e tre nella casa di riposo di San Vendemiano. Due casi anche alla Fondazione Casa di Riposo di Possagno. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi