Addio a Romeo, l’ex vigile di Crocetta con la passione per i pedali

Romeo Fabretto

Era padre di Luciano e Maurizio,  presidente della squadra  di ciclismo femminile Astana. Aveva 98 anni, era risultato  positivo al virus a Villa Belvedere

CROCETTA.  Lutto nel mondo del ciclismo: è deceduto domenica mattina all'età di 94 anni, in ospedale a Montebelluna, Romeo Fabretto, il papà di Luciano e Maurizio, quest'ultimo presidente della corazzata di ciclismo femminile Astana Women's Team, la squadra in cui hanno militato la Ziliute e tante altre campionesse di ciclismo.

Romeo Fabretto era ospite nella casa di riposo Villa Belvedere di Crocetta del Montello, era uno degli ospiti che erano risultati positivi al Covid-19. Non presentava sintomi come la maggior parte dei contagiati, aveva in pratica terminato la quarantena, ma sabato mattina ha avuto una crisi respiratoria, è stato portato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Montebelluna, all'ingresso gli è stato fatto il tampone ed era risultato ancora positivo al Covid-19. Ieri mattina il decesso poco dopo le 6,30.

Romeo Fabretto aveva compiuto 94 anni lo scorso 25 ottobre. Originario del pordenonese, era arrivato a Crocetta quando aveva vinto il concorso di vigile urbano. E lì, a Crocetta, aveva fatto il messo e il vigile urbano, si era sposato con Nerina Pompeo, di Arcade, scomparsa nel 1985, e aveva avuto due figli, Luciano, 70 anni, il maggiore, e Maurizio, 62 anni, il minore.

E poi una vita dedicata al ciclismo di cui i figli erano dei grandi appassionati. Sia Luciano, in pensione dopo aver lavorato all'ulss a Montebelluna e che prima era stato ciclista e poi seguiva le squadre della Valcavasia e la cui moglie ha ruoli di rilievo nella Federazione ciclistica, sia Maurizio, presidente della Astana Women's Teams e titolare della Olimpica.

L'altra sua grande passione sportiva era il Milan, di cui era un appassionato tifoso. Quando Romeo Fabretto era andato in pensione dal Comune di Crocetta non era rimasto con le mani in mano, ma dava una mano al figlio Maurizio nella sua azienda, la Olimpica, specializzata nella produzione di medaglie e coppe. Era poi entrato alla casa di riposo Villa Belvedere di Crocetta e lì, sabato mattina, ha avuto la crisi che lo ha portato ieri alla morte.

Oltre ai due figli, Romeo Fabretto ha lasciato le nipoti Sara e Chiara e la pronipote Sveva. I suoi funerali saranno celebrati in forma privata mercoledì alle 14,30 nella chiesa parrocchiale di Crocetta. —


 

Video del giorno

"Un boato e siamo usciti di casa": il racconto dalle zone del terremoto in provincia di Treviso

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi