«Abbassate l’Irpef per i redditi più bassi e fate rete sui servizi»

CONEGLIANO

Un maggiore coordinamento tra Comuni, agevolazioni per le fasce più deboli e coesione in particolare nei servizi socio-assistenziali: i sindacati chiedono compattezza alle amministrazioni comunali. Cgil-Spi, Cisl-Fnp e Ui-Uilp hanno fatto un bilancio della contrattazione sociale con i 12 Comuni del Coneglianese. Diverse le criticità emerse e le richieste. A Conegliano ad esempio non esistono fasce di esenzione dell’addizionale Irpef, tutti i cittadini sono equiparati al massimo dello 0.8%. Molti Comuni limitrofi, come Mareno, Santa Lucia, San Vendemiano, Susegana, San Pietro, Godega, San Fior, hanno invece tolto l’imposta per i redditi più bassi (alcuni sino a 13 mila euro). «Esentare l’addizionale Irpef sino a 15 mila euro e diversificare l’aliquota in fasce di reddito», chiedono i sindacati. Dall’altra parte sollecitano una maggiore lotta all’evasione fiscale, stipulando accordi con la Guardia di finanza. «Gli introiti recuperati entrano nelle casse comunali e possono essere spesi a favore dell’intera comunità», osservano da Cgil, Cisl e Uil.


Altro aspetto rilevante è quello della crisi sanitaria ed economica. «La pandemia ha evidenziato anche alcuni limiti territoriali nella gestione socio sanitaria ed assistenziale e la necessità di una nuova politica che dia centralità al territorio», spiegano i rappresentanti sindacali Ottaviano Bellotto, Franco Marcuzzo e Beniamino Gorza, «nella qualificazione e ampliamento dei servizi di prossimità, rigenerando le politiche dei distretti e soprattutto attivando politiche sociali ed assistenziali sovra comunali». Le amministrazioni hanno attivato varie iniziative, mobilitato il volontariato, rimborsato mense e trasporto scolastico: complessivamente sono stati stanziati dallo Stato 7 milioni per i Comuni del Coneglianese. Ora c’è da affrontare la seconda ondata, con Conegliano commissariata. «Esprimiamo preoccupazione per la crisi di Conegliano, Comune capofila al tavolo sulle povertà». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi