Contenuto riservato agli abbonati

Giorgio Trevisan, Luciano Cavallin e Santina Corazzin Polini: il Trevigiano piange tre morti per il Covid

Da sinistra Luciano Cavallin, Santina Pozzobon Poloni e Giorgio Trevisan

Tutti e tre hanno visto le loro condizioni di salute aggravarsi per i sintomi del virus, ecco chi erano

TREVISO. Tre vittime un unico comune denominatore: il coronavirus che li ha talmente indeboliti da portarli alla morte.

Santa Bona piange Giorgio Trevisan. È venuto a mancare sabato scorso, all’età di 83 anni: un’altra vittima del Covid -19. Parenti e amici hanno potuto dirgli addio nella chiesa dell’Immacolata, dove don Tempesta ha celebrato il funerale. Trevisan, uomo assai riservato, risiedeva da tempo in via Ronchese, a Treviso. Lo piangono la moglie Silvana, le figlie Claudia, con il marito Roberto, e Elisabetta. 

È mancato a 70 anni Luciano Cavallin, da tempo su una carrozzina per una rara malattia degenerativa. Era di Arcade. Ricoverato a Treviso, era risultato positivo. Nato a Vedelago, studi al seminario dei Canonici Regolari Lateranensi, aveva poi incontrato e sposato Anna Maria. Ha lavorato alla Castelgarden, poi in una tipogrfia. 
La moglie lo ha assistito fino all’ultimo, con straordinaria dedizione. La generosità della coppia è stata ribadita al funerale: accolti fondi per la parrocchia.
 
Mercoledì mattina, nella chiesa parrocchiale di San Gaetano di Montebelluna è stato dato l’ultimo saluto a Santina Corazzin Poloni, deceduta a 89 anni. 
Giorni addietro alla donna era salita la febbre, ed era stata portata poi all’ospedale di Vittorio Veneto, dove si è spenta lunedì per l’aggravarsi della sua condizioni. Molto conosciuta a Montebelluna, Santina lascia i figli Marisa, Ennio e Paola, nipoti, pronipoti, sorelle e fratelli. — 

 

Video del giorno

Eleonora Pedron: ecco perché a quasi quarant'anni ho deciso di laurearmi

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi