Marco, 16 anni, sogna la giubba fluo dell’Ana: «Non vedo l’ora di entrare nella Protezione civile»

E intanto manda una commossa lettera di complimenti per il cavalierato a Bruno Crosato, il suo "eroe"a capo dei volontari di Pederobba

TREVISO. Marco Gallina ha 16 anni, un mito alpino che si chiama Bruno Crosato e un sogno: entrare nella Protezione Civile, indossando la tuta gialla del neo cavaliere nominato dal presidente Sergio Mattarella per l’impegno profuso nell’emergenza Covid.

Il ragazzo lo vede in televisione e ricorda di averlo conosciuto in un campo scuola due anni fa. Così apre il computer e scrive alla Sezione Ana di Treviso: «Ciao Bruno, sono Marco» inizia così il testo scritto dal giovane che abita a Maser. Spiega d’aver conosciuto il capo della PC Ana a Pederobba, durante l’esperienza condotta dagli alpini tra i giovani. Un assaggio di quello che i volontari fanno, spesso nel silenzio. La pandemia ha portato sotto i riflettori il loro lavoro, approdando ai tg nazionali, com’è accaduto a Bruno Crosato, intervistato da Gabriele Lo Bello mentre con i suoi uomini lavorava senza risparmiarsi per riaprire l’ospedale Guicciardini di Valdobbiadene.

«Bruno, quell’intervista me la ricorderò per sempre perché hai commosso anche me con le tue lacrime che facevano capire quanto tu tieni agli alpini» scrive Marco e aggiunge: «Io che sono stato qualche giorno con te al campo-scuola so bene che è vero, che ami quello che fai e le persone con cui lo fai e in quell’occasione hai fatto sentire importanti anche noi ragazzi, ci hai fatti sentire il tuo futuro». Poi con sincerità, tratteggia un lato del carattere di Crosato, timido, riservato, lungi dal voler mettersi in mostra. Marco fa i complimenti al suo “eroe” che ha meritato l’onorificenza.


Dopo i complimenti la richiesta, già formulata nel 2018 e ora tornata prepotentemente a galla: poter entrare a far parte della Protezione Civile Ana. «Purtroppo ho solo 16 anni, così quest’estate sono andato a fare da figurante durante l’addestramento dei cani per le unità cinofile per non stare con le mani in mano».

In attesa dei 18 anni, previsti dalla normativa, appena le condizioni sanitarie lo permetteranno, il presidente Marco Piovesan lo inviterà in sede per l’atteso abbraccio tra il ragazzo e il cavalier Crosato.—


 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi