L’interprete Laura Carlet stroncata dalla leucemia

REVINE

Revine in lutto per la scomparsa a soli 51 anni di Laura Carlet, interprete per la Commissione europea ed ex consigliere comunale. Laura se n’è andata venerdì nella sua casa di Lago, dopo aver combattuto come una leonessa contro la leucemia. Da qualche anno era alle prese con la terribile malattia. Ad agosto, l’ultimo ricovero in ospedale. A fine mese era ritornata a casa, ben consapevole che quelli sarebbero stati gli ultimi giorni. Carlet è stata una brillante interprete e apprezzata traduttrice. Tra il 1999 e il 2003 era stata Interprete di cabina italiana per la Commissione europea a Bruxelles e interprete di conferenza per tedesco e italiano come libera professionista. Da metà Anni Duemila aveva insegnato interpretazione alla scuola per interpreti e traduttori dell’ università di Trieste. Dal 2017 era stata insegnante di tedesco e poi di sostegno alla scuola media di San Vendemiano fino a giugno di quest’anno. Nonostante la malattia, anche durante il lockdown, non aveva mai lasciato soli i suoi allievi. Mossa da vera passione civile e politica, era stata consigliere comunale a Revine dal 1999 al 2004, durante il mandato del sindaco Giorgio Della Colletta. Nell’ultima tornata amministrativa si era candidata nella lista civica ”Insieme per un bel comune” in appoggio al candidato sindaco Boris Bottega. «Ho pianto un giorno e mezzo», spiega Bottega «Laura era una persona speciale». Commosso anche il ricordo dell’ex sindaco Michela Coan di cui era grande amica. «La sua scomparsa è una gravissima perdita. Laura è stata una figura centrale del gemellaggio di Revine con il comune di Mitterdorf der Raab in Austria. Era lei che teneva i rapporti non solo per la padronanza che aveva con la lingua, ma anche per la volontà di portare avanti lo scambio tra le amministrazioni». I funerali saranno celebrati domani alle 15 nella chiesa di Lago. Stasera alle 20 il rosario. Eventuali donazioni andranno alla Lilt. Lascia il marito Massimo, i figli Matilde e Vittorio, il papà Antonio e la mamma Elda. —




Zuppetta di sedano rapa, mela verde, quinoa, mandorle e cavolo nero

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi