Possagno. Turista austriaco si siede sulla statua e danneggia la "Paolina Bonaparte" del Canova

L'uomo era in visita al Museo gypsoteca e ha deciso di riposarsi accomodandosi sopra l'opera in gesso. Quando si è reso conto del danno fatto è immediatamente uscito senza avvertire, ma è stato ripreso dale telecamere

POSSAGNO. L’hanno sempre considerata una tra le statue più belle scolpite da Antonio Canova, quella di Paolina Bonaparte. E per eseguirla Canova seguì la tecnica da lui preferita: un modello in argilla, poi un calco in gesso, che veniva riempito con altro gesso e quindi ecco il modello perfetto da cui inizare il lavoro sul marmo.
 
Questa collezione unica di gessi è ammirabile solo al Museo gypsoteca Antonio Canova di Possagno, raccolta incredibile e bellissima, meta di appassionati d’arte di tutto il mondo, che vengono bene accolti e ricordati dala direzione, specie di questi tempi.
 
Tutti meno uno: il turista austriaco che ieri ha distrutto tre dita del piede di Paolina.
 
 
La statua in gesso  è stata infatti danneggiata a tre dita del piede destro a causa di un visitatore. Probabilmente un componente di una comitiva austriaca che si è seduto proprio  sul giaciglio di Paolina in corrispondenza del piede.
Il peso dell’uomo ha mandato in frantumi quella parte dell’opera.
 
Il turista, ripreso dalle telecamere di sorveglianza, si è immediatamente reso conto di quello che aveva combinato. Invece di avvertire gli addetti, si è alzato subito dileguandosi.
 
I frammenti sono stati recuperati integralmente dagli addetti del museo le immagini delle telecamere di sorveglianza hanno ritratto la scena. Su questo stanno indagando i carabinieri di Pieve del Grappa.
 

La direttrice della Gypsotheca: "Serve maggiore senso civico e morale"

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi