«L’incidenza di casi simili è comunque molto bassa»

Su oltre 12 mila analisi  solo lo 0,3 per cento mostra la presenza dei colibatteri Nel 2012 l’azienda intervenne “preventivamente”