I sindacati bocciano i medici dalla Romania «Gli specialisti ci sono»