«Un patologia invisibile l’attenzione però è alta»