Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Vende droga al figlio minorenne, mamma fa arrestare il pusher

I Carabinieri di Treviso, nella serata di ieri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai  domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di un 33enne sloveno residente a Treviso

TREVISO. Aveva venduto mezzo chilo di marijuana a suo figlio e lei è riuscita a farlo arrestare. Per una madre un calvario durato mesi, terminato ieri sera con l'arresto del pusher.   

I Carabinieri di Treviso, nella serata di ieri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai  domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di un 33enne sloveno residente a Treviso per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.

Gli investigatori del Nucleo Oper ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TREVISO. Aveva venduto mezzo chilo di marijuana a suo figlio e lei è riuscita a farlo arrestare. Per una madre un calvario durato mesi, terminato ieri sera con l'arresto del pusher.   

I Carabinieri di Treviso, nella serata di ieri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai  domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di un 33enne sloveno residente a Treviso per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.

Gli investigatori del Nucleo Operativo della Compagnia nel maggio scorso avevano raccolto la denuncia di una madre il cui figlio minorenne aveva acquistato dal giovane arrestato circa 500 grammi di marijuana saldando solo in parte il debito con lo spacciatore.

Da quel momento era cominciato il calvario della famiglia che era stata oggetto di numerose minacce e pressioni per ottenere il denaro mancante. Minacce fatte telefonicamente e via sms alla donna ed al figlio prospettando gravi conseguenze nel caso in cui non fosse stato saldato il debito per la droga.

A tutto questo hanno posto fine i militari dell’Arma che hanno eseguito l’ordinanza ottenuta in seguito alla coraggiosa denuncia sporta dalla donna.