Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

San Pietro di Feletto, vendemmia solidale con Sammy Basso per battere la progeria

Alle Manzane di San Pietro di Feletto l’iniziativa con Luca Zaia e Giusy Versace. Presenti duemila persone, raccolti circa 14 mila euro 

SAN PIETRO DI FELETTO. A colpi di forbici per beneficenza: oltre duemila persone hanno partecipato ieri mattina alla vendemmia solidale, la grande festa della raccolta dell’uva organizzata come ogni anno (siamo alla settima edizione) dalla tenuta Le Manzane di San Pietro di Feletto. Quest’anno protagonisti la ricerca e Sammy Basso. A favore dell’Associazione italiana progeria, presieduta dal “dottor Sammy”, come ieri è stato chiamato grazie alla sua recente laurea, sono stati messi da parte ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN PIETRO DI FELETTO. A colpi di forbici per beneficenza: oltre duemila persone hanno partecipato ieri mattina alla vendemmia solidale, la grande festa della raccolta dell’uva organizzata come ogni anno (siamo alla settima edizione) dalla tenuta Le Manzane di San Pietro di Feletto. Quest’anno protagonisti la ricerca e Sammy Basso. A favore dell’Associazione italiana progeria, presieduta dal “dottor Sammy”, come ieri è stato chiamato grazie alla sua recente laurea, sono stati messi da parte 14 mila euro.

Ben 110 i quintali di uva raccolti nella sola mattinata, con centinaia di vendemmiatori fra i filari, in testa il governatore Luca Zaia, l’assessore Giuseppe Pan, Paolo Casagrande del sindacato Anpa, ovviamente Giusy Versace, l’anima della manifestazione, i corridori della “Prosecco cycling”. “La vendemmia è diventata una grande festa aperta a tutti per una buona causa: i fondi raccolti serviranno infatti a finanziare la ricerca di sindrome da invecchiamento precoce, la rarissima malattia genetica che ha colpito Sammy. Lo stesso Sammy, anzi il dottor Basso, visto che si è laureato con lode poche settimane fa, ha dato via libera alla vendemmia «assieme a me – racconta Luca Zaia – e alla grandissima Giusy, con la consueta forza, simpatia, carica umana e tanta voglia di testimoniare a tutti i livelli un principio sacrosanto: potenziare la ricerca perché si trovino mezzi e metodi per sconfiggere definitivamente le malattie rare».

Secondo le stime i casi di progeria sono solo 150 in tutto il mondo. Fortunatamente i progressi fatti in questi ultimi anni sono incoraggianti. Nel 2003 è stato scoperto il gene che provoca la malattia e poco dopo un farmaco per rallentarne il decorso. Nell’ottobre 2005 è nata, per volontà di Sammy, l’Associazione italiana progeria Sammy Basso onlus. Laureatosi alla facoltà di scienze naturali con indirizzo biologico molecolare, Sammy ha voluto approfondire, conclusi gli studi, la ricerca proprio su questa problematica. Ecco, dunque, la doverosa solidarietà. Le cassette di Prosecco docg, appena vendemmiate, sono state subito pigiate nella cantina dell’azienda, alla presenza del pubblico incuriosito. Le bottiglie di vino, che porteranno un’etichetta disegnata da Sammy Basso, saranno vendute al Vinitaly. Alla festa non poteva mancare un abbondante buffet, organizzato da Cà del Poggio e dalla Pro Loco “Val Cervano”. Incuriositi i ciclisti della “Prosecco cycling” – che ha devoluto un euro per ciascun partecipante – che si sono fermati per un ristoro speciale.