Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Cara rotonda 86 mila euro di nuovi costi non previsti

ODERZOSono lievitati a 350 mila euro i costi di realizzazione della rotonda di Rustignè, che il Comune inizierà a realizzare lungo la Postumia entro fine anno. La nuova cifra supera di 86 mila euro...

ODERZO

Sono lievitati a 350 mila euro i costi di realizzazione della rotonda di Rustignè, che il Comune inizierà a realizzare lungo la Postumia entro fine anno. La nuova cifra supera di 86 mila euro le stime prodotte dagli uffici e sono il risultato delle modifiche al progetto redatto da Ca’ Diedo chieste da Veneto Strade, l’organo competente sulla Postumia, e da Piave Servizi. Il consiglio comunale, all’unanimità, ha dato il via libera alla variazione di bilancio che garantirà le coperture n ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ODERZO

Sono lievitati a 350 mila euro i costi di realizzazione della rotonda di Rustignè, che il Comune inizierà a realizzare lungo la Postumia entro fine anno. La nuova cifra supera di 86 mila euro le stime prodotte dagli uffici e sono il risultato delle modifiche al progetto redatto da Ca’ Diedo chieste da Veneto Strade, l’organo competente sulla Postumia, e da Piave Servizi. Il consiglio comunale, all’unanimità, ha dato il via libera alla variazione di bilancio che garantirà le coperture necessarie all’avvio dei lavori. La cifra che eccede quanto inizialmente stanziato dal Comune proverrà dagli oneri di urbanizzazione che l’ufficio tributi ha previsto di incassare entro fine anno.

A chiedere le modifiche maggiori è stata Veneto Strade, che ha preteso un’altra soluzione al problema del passaggio che consentirà alle auto sulla Postumia di entrare nell’area della pizzeria Ca’ Giordano: «Gli altri aumenti sono dovuti a maggiori oneri per i sottoservizi, agli espropri e in generale all’adeguamento al prezziario regionale degli importi dato il tempo trascorso fra il progetto preliminare e quello definitivo», spiega l’assessore ai lavori pubblici Vincenzo Artico. Piave Servizi ha chiesto al Comune di adeguare il progetto alle più recenti normative inerenti allo sgrondo delle acque meteoriche: «L’aumento dei costi è dovuto principalmente a lacune progettuali riscontrate dal progetto preliminare che abbiamo ereditato», conclude Artico. La variazione di bilancio che permetterà alla macchina burocratica di mettersi in moto è stata eseguita d’urgenza. È toccato all’assessore al bilancio Mauro Lorenzon spiegare come la giunta non volesse perdere tempo, per partire con l’assunzione degli impegni di spesa entro la fine dell’anno in corso. Se Tino Alescio (Forza Oderzo) ha espresso perplessità sull’opportunità di finanziare l’opera con entrate per ora teoriche, il capogruppo dem Alessandro Battel ha fatto emergere come «Non è assicurata la continuità della pista ciclabile». —

N.B.