Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Omicidio stradale Indagato Cunial

SALGAREDASono due gli indagati per il tragico incidente stradale in A4, di lunedì scorso nel quale hanno perso la vita il sergente maggiore Valerio Canzio (39 anni, della provincia Messina) e il...

SALGAREDA

Sono due gli indagati per il tragico incidente stradale in A4, di lunedì scorso nel quale hanno perso la vita il sergente maggiore Valerio Canzio (39 anni, della provincia Messina) e il caporal maggiore Rocco Rilievi (41 anni, della provincia di Bari) (ieri i funerali), dopo lo scontro tra la Panda dell’Esercito e un furgone. Incidente nel quale sono rimasti feriti in modo grave anche un terzo militare, P.M. (34 anni, di Cagliari), che alla guida della vettura, e l’autista del furgo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SALGAREDA

Sono due gli indagati per il tragico incidente stradale in A4, di lunedì scorso nel quale hanno perso la vita il sergente maggiore Valerio Canzio (39 anni, della provincia Messina) e il caporal maggiore Rocco Rilievi (41 anni, della provincia di Bari) (ieri i funerali), dopo lo scontro tra la Panda dell’Esercito e un furgone. Incidente nel quale sono rimasti feriti in modo grave anche un terzo militare, P.M. (34 anni, di Cagliari), che alla guida della vettura, e l’autista del furgone, Valerio Cunial, 72enne tdi Salgareda.

E sono proprio i due feriti, che la pubblico ministero Elisabetta Spigarelli ha iscritto al registro degli indagati per omicidio stradale: un atto dovuto - come si dice in questi casi - per permettere loro di partecipare con propri consulenti alle varie fasi delle indagini, per ricostruire la dinamica del terribile sinistro. Oggi, infatti, la pubblico ministero della Procura veneziana assegnerà la consulenza tecnica, per ricostruire la dinamica dell’incidente mortale che ha paralizzato per ore l’A4, lunedì mattina.

Al momento, sono stabili le condizioni dei due feriti gravi, ora indagati, estratti dai vigili del fuoco dalle lamiere dei veicoli coinvolti nell’ incidente: ricoverati all’ospedale di Treviso e dell’Angelo di Mestre, sono ancora in prognosi riservata. L’inferno sull’ A4 è scoppiato intorno alle 11.15 di lunedì, sulla carreggiata in direzione Trieste, tra Meolo e Roncade.

Se la dinamica è in corso di accertamento, quel che è certo è che si sono scontrati una vettura di servizio dell’Esercito, una Fiat Panda, e un furgone. Quest’ultimo, in seguito all’urto, si è capovolto, adagiandosi su un fianco contro il guardrail centrale. La situazione è apparsa subito molto grave e, per consentire l’intervento dei soccorsi, l’autostrada è stata immediatamente chiusa verso Trieste. Cosa è accaduto, di chi sia la responsabilità, lo dovranno stabilire - appunto - le indagini della Procura. Cordoglio per la scomparsa dei due militari era stato espresso dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, in un tweet, a nome suo e delle Forze Armate, esprimendo sentite cordoglio per le vittime, manifestando «profondo dolore e vicinanza alle loro famiglie e all’Esercito». —

R.D.R.