Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Via Tuna a senso unico Tutti contro la nuova viabilità a Casella

Gazzola: «Mossa del sindaco per non farsi rieleggere» Cunial: «Assurdo». La giunta: «Solo un esperimento»

ASOLO

Il più caustico è l’ex consigliere comunale Pietro Gazzola: «Mi chiedo se questa sia una mossa del Sindaco per non farsi rieleggere alle prossime votazioni...» Critico è pure Nico Cunial, capogruppo di opposizione in consiglio comunale: «Non condivido il metodo adottato dall’amministrazione. La giunta aveva promesso di informare e far partecipare i cittadini alle scelte importanti ma nulla di tutto ciò è accaduto in questa come in altre circostanze. Può essere che una scelta del genere ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ASOLO

Il più caustico è l’ex consigliere comunale Pietro Gazzola: «Mi chiedo se questa sia una mossa del Sindaco per non farsi rieleggere alle prossime votazioni...» Critico è pure Nico Cunial, capogruppo di opposizione in consiglio comunale: «Non condivido il metodo adottato dall’amministrazione. La giunta aveva promesso di informare e far partecipare i cittadini alle scelte importanti ma nulla di tutto ciò è accaduto in questa come in altre circostanze. Può essere che una scelta del genere appartenga alla cultura dell'improvvisazione».

Non piace quasi a nessuno il nuovo senso unico in discesa in via Tuna, piccola strada a ridosso del centro di Casella, che la giunta ha deciso - nel tratto nord fino a via Da Vinci - di porre a senso unico in discesa. Niente più che una sperimentazione, spiega l’amministrazione comunale. Tant’è: nei social e in paese è tutto un coro di critiche.

«Con il senso unico di via Tuna – scrive Pietro Gazzola sui social – si costringono tutti i veicoli che, circolando a sud della statale, vogliono arrivare in piazza a Casella ad impegnare l'incrocio semaforico o comunque a transitare sulla statale qualora decidessero di percorrere via dei Tartari o via Marcoai. Le note elementari della "tecnica del traffico" suggeriscono di decongestionare i nodi principali, per renderli più scorrevoli. Ad Asolo, qualcuno ha deciso di fare il contrario: congestionare la statale e l'incrocio semaforico più di quanto già lo siano. Una assurdità».

Tra i commenti quelli di Ketty Dametto: «Fanno il senso unico in via Tuna per la sicurezza ma non si rendono conto del disagio che creano per uscire da via dei Tartari...». Stefania Tittoto osserva: «Se per andare da Romano Medica prima si usava via Tuna ora si deve per forza andare dal semaforo o allungare fino alla zona industriale, entrare in statale per poi arrivare a destinazione». Aggiunge Mariangela De Zen: «I sensi unici vanno valutati per migliorare e non per complicare la viabilità». Così Michele Reginato: «Le solite bestialità all'italiana: invece di pensare a illuminazione verde e strade cambiano la viabilità ad una strada che funzionava benissimo e molto utile per andare in centro: complimenti ai geni». —