Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il ritorno dell’architetto «Ora serve una svolta»

VITTORIO VENETOMario Da Re torna nell'arena politica. L'architetto , già candidato sindaco nel 2009, da anni impegnato per la salvaguardia dell' ex ghetto ebraico, si prepara in vista delle...

VITTORIO VENETO

Mario Da Re torna nell'arena politica. L'architetto , già candidato sindaco nel 2009, da anni impegnato per la salvaguardia dell' ex ghetto ebraico, si prepara in vista delle amministrative del 2019. Primo passo è un incontro pubblico in programma il 12 settembre alle 20.45 al bar Duomo . «Per quanto mi riguarda, pur non avendo l'ambizione di candidarmi al ruolo di Sindaco», spiega Da Re « sento comunque forte la spinta a propormi per un ruolo attivo nella prossima amministraz ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VITTORIO VENETO

Mario Da Re torna nell'arena politica. L'architetto , già candidato sindaco nel 2009, da anni impegnato per la salvaguardia dell' ex ghetto ebraico, si prepara in vista delle amministrative del 2019. Primo passo è un incontro pubblico in programma il 12 settembre alle 20.45 al bar Duomo . «Per quanto mi riguarda, pur non avendo l'ambizione di candidarmi al ruolo di Sindaco», spiega Da Re « sento comunque forte la spinta a propormi per un ruolo attivo nella prossima amministrazione». Per l'architetto « molte sono le critiche rivolte all'operato di questa Amministrazione Comunale, a volte eccessive, ma in gran parte condivisibili, soprattutto rispetto ad una gestione del giorno per giorno, spesso funzionale ad esigenze particolari, senza tener conto dell'interesse generale (vedi viabilità, spazi commerciali, iniziative culturali, servizi). La mancanza di una qualsiasi programmazione, in assenza di strategie per la citta del domani, e la critica forse meno frequente, ma certamente la piu fondata». —

F.G.