Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Palio del Vecchio mercato di Montebelluna: la contrada del Centro-Pieve centra il bis

Fondamentali le scarpe antiscivolo. Pederiva al secondo posto, ma con notevole distacco. Un’edizione bagnata dalla pioggia e dalla solita folla di pubblico

MONTEBELLUNA. La contrada del Centro-Pieve ha fatto il bis ieri alla 29esima edizione del Vecchio Mercato. E con un tempo strepitoso viste le condizioni del percorso, bagnato perché è piovuto fino a pochi minuti prima della partenza della corsa dei carri.
 
Non ha avuto rivali dal momento che ha dato 27 secondi di distacco alla seconda arrivata: Pederiva. Una gara quella di ieri su cui hanno influito le condizioni della strada, tanto che solo le prime due hanno fatto fermare il cronometro sott ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTEBELLUNA. La contrada del Centro-Pieve ha fatto il bis ieri alla 29esima edizione del Vecchio Mercato. E con un tempo strepitoso viste le condizioni del percorso, bagnato perché è piovuto fino a pochi minuti prima della partenza della corsa dei carri.
 
Non ha avuto rivali dal momento che ha dato 27 secondi di distacco alla seconda arrivata: Pederiva. Una gara quella di ieri su cui hanno influito le condizioni della strada, tanto che solo le prime due hanno fatto fermare il cronometro sotto i dieci minuti. 
 
Palio del Vecchio mercato di Montebelluna: la contrada del Centro-Pieve centra il bis
 
SQUADRA ANTISDRUCCIOLO. Una vittoria merito anche delle scarpe: quelli del Centro-Pieve avevano suole antiscivolo. Tutti avevano visto le previsioni poco lusinghiere del tempo, ma quelli del Centro-Pieve son stati previdenti, grazie ad uno dei loro sponsor. «Ostani, che è nostro sponsor -rivela il capomastro Massimo Esposito- ha chiesto al calzaturificio Scarpa di preparare sette paia di scarpe dove mettere la suola Vibram antisdrucciolo e così i nostri atleti non hanno avuto problemi di aderenza al terreno». La gara ieri è partita regolarmente alle 17, quando aveva finito da pochi minuti di piovere. Primi a partire Posmon: buono il primo intertempo al cinema, buono anche quello a S. Maria in Colle, ma un tempo finale non da primato. Tempi non da primato fino alla partenza del Centro-Pieve. 
 
GARA IN DISCESA. Al primo intertempo del cinema nulla di speciale, anzi di 3 secondi più alto di quello di Posmon, ma già all'intertempo di S. Maria in Colle veniva fuori la forza dei ragazzi di Massimo Esposito: 4'40''15, e tagliavano poi il traguardo in 9'08''18. Si è capito subito che il titolo era suo. E infatti solo Pederiva rimaneva sotto i dieci minuti, facendo fermare i cronometri a 9'35''38, Mercato Vecchio, generosissimo come sempre nonostante la penuria di atleti, ci andava appena sopra: 10'07''10 e conquistava un lusinghiero terzo posto. Anche ieri è stata una gran festa, con tanta gente ad assistere alla gara, stand delle varie contrade lungo il percorso, una strage di atleti giunti sfiniti al traguardo e distesi a terra a rifiatare appena mollato il carro agricolo da 380 chili. «La gara è stata contrassegnata dal percorso bagnato - dice il presidente dell'Ente Palio, Nicola Palumbo - le squadre avevano sulle gambe tempi inferiori». Anche il Centro-Pieve, che puntava ad andare sotto i nove minuti e stabilire il nuovo record della gara. «Puntavamo a fare un tempo di 8'59”»: spiega Massimo Esposito. Gran festa dei ragazzi del Centro, che hanno fatto con la birra ciò che piloti e ciclisti fanno con lo spumante. 
 
I MAGNIFICI SETTE. I magnifici sette sono Giacomo Esposito, Gabriele Calabretto, Gabriele Spada, Alessio Foscarini, Andrea Sebenello, poi all'intertempo al posto degli ultimi due sono entrati l'ex nazionale di nuoto Federico Colbertaldo e Paolo Pasin.