Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Metta i gioielli nel frigo»: ottantenne derubata a Codognè

Due compari travestiti da vigile urbano e tecnico l’hanno convinta che l’acquedotto era contaminato da mercurio

CODOGNé. Hanno fatto finta di dover intervenire per un inquinamento dell’acquedotto, uno travestito da tecnico e l’altro travestito da vigile urbano, per rendere più credibile la sceneggiata. Una coppia di truffatori (con un terzo complice) ha rubato tutti i preziosi in oro di una pensionata di 81 anni di Codogné. Il bottino ammonta a duemila euro. Il furto è stato messo a segno martedì mattina in via Ferracini, una strada interna che dal centro del paese conduce verso Roverbasso.

COLPO PREME ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CODOGNé. Hanno fatto finta di dover intervenire per un inquinamento dell’acquedotto, uno travestito da tecnico e l’altro travestito da vigile urbano, per rendere più credibile la sceneggiata. Una coppia di truffatori (con un terzo complice) ha rubato tutti i preziosi in oro di una pensionata di 81 anni di Codogné. Il bottino ammonta a duemila euro. Il furto è stato messo a segno martedì mattina in via Ferracini, una strada interna che dal centro del paese conduce verso Roverbasso.

COLPO PREMEDITATO. I malviventi con ogni probabilità avevano preso informazioni su quell’anziana, classe 1937, A.M., e sapevano che si sarebbe trovata da sola in casa quando è scattata la truffa. Ai carabinieri l’anziana ha raccontato che si sono presentati alla porta due uomini incaricati di effettuare dei controlli, per una presunta contaminazione da mercurio nell’acqua.

“MERCURIO NELL’ACQUA”. La pensionata è stata così messa in apprensione, ed è andata inevitabilmente in confusione. Senza contare che, in altri Comuni della Marca, un problema di contaminazione da mercurio si è effettivamente registrato, negli anni scorsi. «Hanno detto di essere dei tecnici dell’acquedotto e che c’era un inquinamento - ha testimoniato la pensionata agli inquirenti – Poi hanno detto che dovevano essere messi i gioielli in frigorifero». Quando ha tirato fuori gli oggetti preziosi, riponendoli dove le era stato consigliato, sarebbe entrato in azione un terzo complice. Fatto sta che mentre la coppia di truffatori teneva impegnata la pensionata, l’oro è sparito.

GIOIELLI SPARITI. In un secondo momento la donna si è accorta che i gioielli non c’erano più e quindi è stata presentata una denuncia. Sull’episodio indagano i carabinieri della stazione di Codognè e del comando di Conegliano.

FILMATI AL VAGLIO. Al vaglio degli investigatori vi sono le immagini delle videocamere di sorveglianza per individuare l’auto su cui si sposta questa gang. Potrebbero aver posteggiato lungo la strada provinciale, la casa dove è stato attuato il colpo infatti non si trova distante da via Roma. L’invito delle forze dell’ordine è di segnalare tempestivamente anche i tentativi di truffa, per impedire che altri colpi vengano messi a segno.