In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il dramma di Maserada: «Pronti ad aiutare in ogni modo il papà dei due gemellini»

Il sindaco di Maserada: «Tutta la comunità è scossa, vorremmo fare qualcosa». A Cimadolmo lunedì pomeriggio proclamato il lutto cittadino durante il funerale

Alessandro Bozzi Valenti e Niccolò Budoia
2 minuti di lettura

MASERADA. Un lutto che ha commosso l'intera Marca, oggi pronta a mobilitarsi. La scomparsa di Maria Buso dopo il parto gemellare è infatti un dramma che non tocca solo Cimadolmo e Ponzano, i paesi di origine di Maria Buso - a Cimadolmo domani, lunedì, giornata dei funerali, è stato proclamato il lutto cittadino - e del marito Fabio Piovesan, ma anche Maserada, dove la coppia abitava.

E nonostante vi risiedessero da soli quattro anni Maria e Fabio si erano fatti voler bene anche lì, lungo via Europa, nel centro del paese dove si trova la loro villetta, così come nelle manifestazioni della comunità a cui spesso e volentieri partecipavano. La notizia della scomparsa della giovane mamma, avvenuta cinque giorni dopo la messa al mondo dei gemellini Alice e Filippo, è arrivata come un fulmine a ciel sereno anche nel comune a due passi dal Piave. E la comunità è pronta a mobilitarsi per sostenere il marito nelle prime intense settimane di vita dei due fratellini.

«Da parte nostra c'è la massima disponibilità: tutte le attenzioni, come ha dichiarato Fabio, devono andare alle due creature», il commento del primo cittadino di Maserada Anna Sozza, «mi riservo di incontrarlo prossimamente, con calma, rispettando il difficilissimo momento che sta passando. Credo serva fare un po' di ordine, lasciando passare qualche giorno, ed anche noi potremo capire come eventualmente sostenerlo. Intanto, da Maserada, c'è tutta tutta la vicinanza possibile: se ne è andata una mamma di due bambini, a tutti i familiari, ma a loro due principalmente, deve andare il nostro primo pensiero».

Poi la riflessione, tornando a quei momenti dopo aver saputo l'accaduto. «La notizia ci ha colto tutti d'improvviso, è stato micidiale e siamo profondamente scossi» aggiunge il sindaco, «la loro era una coppia giovane, solare, che non conoscevo personalmente ma che avevo visto comunque in paese, nelle manifestazioni come la sagra e in altre occasioni. La scorsa settimana avevamo saputo della bellissima novità della nascita dei gemelli, una cosa che non avviene tutti i giorni e che ci aveva riempito il cuore. Poi è arrivata quella comunicazione totalmente diversa che ci ha lasciati senza parole». In molti da Maserada, già stasera per la recita del rosario (alle 18.30 a Cimadolmo), si recheranno nel paese natale della giovane mamma, a cui alle 15.30 di domani verrà dato l'ultimo saluto.

A Cimadolmo, dove risiede la famiglia della donna, il dolore è fortissimo. Il sindaco Giovanni Ministeri ha decretato il lutto cittadino dalle 15.30 alle 17.30 di lunedì in tutta Cimadolmo. L’ora d’inizio del lutto è la stessa dei funerali di Maria Buso. Nelle due ore di lutto le organizzazioni e le associazioni del paese, così come i commercianti e gli esercenti, sono stati invitati a sospendere tutte le proprie attività.

I commenti dei lettori