Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Progetto di videosorveglianza Presti vuole altre 15 telecamere

Il primo cittadino ha deciso di  concorrere ad un bando  del Ministero dell'Economia per arrivare all'installazione  di nuovi occhi elettronici.

ARCADE. Potenziare l'attuale sistema di videosorveglianza, arrivando in alcune zone ancora non monitorate. È l'obbiettivo per il quale l'amministrazione comunale di Domenico Presti ha deciso di concorrere ad un bando del Ministero dell'economia per arrivare all'installazione di 15 nuovi occhi elettronici. Strumenti, dotati anche di infrarossi per le ore notturne, per i quali Arcade conta di ricevere un finanziamento per oltre 65 mila euro, che si aggiungerebbero alla trentina già in funzione ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ARCADE. Potenziare l'attuale sistema di videosorveglianza, arrivando in alcune zone ancora non monitorate. È l'obbiettivo per il quale l'amministrazione comunale di Domenico Presti ha deciso di concorrere ad un bando del Ministero dell'economia per arrivare all'installazione di 15 nuovi occhi elettronici. Strumenti, dotati anche di infrarossi per le ore notturne, per i quali Arcade conta di ricevere un finanziamento per oltre 65 mila euro, che si aggiungerebbero alla trentina già in funzione in paese dal marzo del 2013, coprendo i punti nevralgici delle attività del paese, grazie alla convenzione stipulata con il consorzio Priula.

Ma dove andrebbero installati queste nuove apparecchiature? A spiegarlo è direttamente il primo cittadino Presti. «L'obbiettivo è quello di inserirle in dei punti ancora critici, sia come deterrente per eventuali malintenzionati che come vigile occhio sulla viabilità» spiega il primo cittadino, «monitoreremo l'intersezione tra la provinciale 57, tra Arcade e Spresiano, con via Gravoni e l'incrocio tra la stessa via Gravoni e via Madonnetta. Poi un'attenzione sarà destinata all'incrocio tra via Roma e via Della Mola, oltre al quartiere Europa». Ma oltre alla viabilità, visto che tre delle quindici telecamere previste saranno dotate di tecnologia per il riconoscimento delle targhe, un'attenzione particolare ce l'avranno anche altre aree pubbliche, specie quelle verdi. «Prevediamo di installare delle apparecchiature nel parco giochi di via Madonnetta, nell'area verde di via Gravoni, dove intendiamo realizzare l'area per la sgambatura dei cani, e nel parco di villa Cavalieri, integrando con quelle già in funzione. Qui, anche di recente, si sono verificati episodi di maleducazione e, comunque, strane ed antipatiche situazioni» aggiunge Presti.

Ma se il finanziamento non arriverà? «Stiamo già studiando altre possibilità e se il bando non andrà a buon fine ci proveremo in altro modo, ma sono fiducioso» chiude il primo cittadino, «intendo continuare a garantire sicurezza e tranquillità». —

A.B.V.. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.