Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pieve e Refrontolo più sicuri con sette varchi elettronici

Sono stati stanziati duecentomila euro per la lettura telematica delle targhe I dispositivi saranno sistemati lungo le arterie di confine con gli altri paesi

PIEVE DI SOLIGO. In arrivo anche a Pieve di Soligo e Refrontolo i varchi attrezzati di telecamere per la lettura delle targhe. Pochi giorni fa la giunta comunale di Pieve di Soligo ha deliberato un progetto di oltre 200mila euro, in associazione con il Comune di Refrontolo con cui condivide il servizio di polizia locale, per la realizzazione di un nuovo sistema di videosorveglianza, integrato dal rilevatore di targhe dei veicoli. Un passo importante per aumentare il sempre più diffuso bisogn ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIEVE DI SOLIGO. In arrivo anche a Pieve di Soligo e Refrontolo i varchi attrezzati di telecamere per la lettura delle targhe. Pochi giorni fa la giunta comunale di Pieve di Soligo ha deliberato un progetto di oltre 200mila euro, in associazione con il Comune di Refrontolo con cui condivide il servizio di polizia locale, per la realizzazione di un nuovo sistema di videosorveglianza, integrato dal rilevatore di targhe dei veicoli. Un passo importante per aumentare il sempre più diffuso bisogno di sicurezza, che permetterà di ottenere un costante monitoraggio di tutti i mezzi a motore transitati, sia in entrata che in uscita, sul suolo pievigino.

CACCIA AI FINANZIAMENTI. Le nuove telecamere verranno opportunamente installate sui varchi di passaggio tra i Comuni di Pieve e Refrontolo con i paesi limitrofi. «Il progetto è interamente finanziato con fondi comunali, ma faremo richiesta di un contributo alla Prefettura – spiega il sindaco di Pieve di Soligo, Stefano Soldan – la spesa verrà ripartita tra i due Comuni. Ci sono dei tempi tecnici necessari da attendere per l’apertura della gara d’appalto, ma confidiamo di poter completare l’opera entro la fine del 2018».

TECNOLOGIA AVANZATA. Si tratta di dispositivi sui quali, negli ultimi anni, già molti altri enti locali stanno facendo affidamento in quanto, una volta che la targa viene scannerizzata dal visore, in tempo reale l’informazione viene inoltrata al sistema informatico dei Carabinieri, da cui è possibile sapere in una frazione di secondo se l'auto in transito trattasi di un veicolo rubato ed altri dati sensibili. Treviso, Cison di Valmarino, Breda di Piave, Asolo, sono solo alcuni dei tanti comuni che hanno adottato questo innovativo sistema di sicurezza. «I varchi in totale saranno sette: cinque a Pieve di Soligo e dua a Refrontolo - spiega l'assessore alla sicurezza che ha seguito il progetto sin dalle prime fasi, Roberto Menegon - la spesa totale da 206mila euro sarà sostenuta per il 70 per cento dal Comune di Pieve, mentre il restante 30 per cento sarà a carico di Refrontolo».

LOTTA AGLI ECOFURBI. Il nuovo sistema di videosorveglianza sarà utile anche in altri ambiti: ad esempio nella tanto difficile lotta contro gli ecofurbi. Il rilevatore di targhe, infatti, identificando il proprietario di ogni veicolo, potrà fornire un ulteriore dato da poter intrecciare con quanto viene rinvenuto all'interno dei sacchi abbandonati e stringere così il cerchio sul colpevole. Un'arma che sarà molto utile per Pieve di Soligo dato che, tempo fa, proprio l'assessore Roberto Menegon aveva sottolineato come la gran parte dei rilasci di immondizia rinvenuti sul suolo pievigino fosse da attribuire a residenti di altri Comuni limitrofi. —

RICCARDO MAZZERO. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.